UNA STRATEGIA PER IL SUOLO

Il suolo è la pelle del nostro pianeta. Quel sottile strato superiore della crosta terrestre che rappresenta l’interfaccia fra terra, aria e acqua.

E’ un bene comune, una risorsa  non rinnovabile fondamentale per la vita sulla Terra :

ospita gran parte della biosfera;
è fonte di cibo;
agisce come filtro e stoccaggio dell’acqua e del carbonio;
custodisce la nostra memoria storica e culturale;
è un elemento fondamentale del paesaggio;
costituisce un presidio per la prevenzione e mitigazione degli eventi di dissesto idrogeologico.

L’impermeabilizzazione, l’impoverimento di materia organica, la perdita di biodiversità, la contaminazione, la salinizzazione, la desertificazione, la compattazione, l’erosione, le frane e le alluvioni lo minacciano continuamente.

Sulla Terra solo il 

13-18%

delle terre emerse sono suoli fertili

In Europa

11 ettari ogni ora

vengono coperti da asfalto e cemento

In Italia

3 mq ogni secondo

vengono coperti da asfalto e cemento

IL FAI CHIEDE UNA POLITICA NAZIONALE PER LA TUTELA DEL SUOLO


Il consumo di suolo è un problema grave che il FAI intende affrontare a diversi livelli, come prevede la sua missione: prendersi cura del suolo nei propri beni, educare al valore del suolo, vigilare sulle politiche di tutela del suolo a livello locale e nazionale.

Con questo scopo il 20 settembre 2016 la Fondazione ha organizzato un convegno presso la Cavallerizza di Milano, sede operativa del FAI, dove esperti, politici e rappresentanti della società civile – dagli amministratori agli agricoltori, dagli imprenditori edili agli urbanisti, dagli studiosi alle organizzazioni ambientaliste – hanno potuto confrontarsi per dare visibilità e impulso al disegno di legge sul contenimento del consumo di suolo e riuso del suolo edificato (n.2383) – attualmente all’esame del Parlamento ma fermo alla Camera – sostenuto dalla Fondazione seppur con le opportune modifiche.

Ecco i punti principali emersi per una strategia su scala nazionale che, proprio per la natura interdisciplinare del suolo stesso, deve coinvolgere più settori avvalendosi di strumenti diversi (legislativi, economico-fiscali, conoscitivi, educativi, divulgativi):

Pin It on Pinterest

Shares